Artisti 2018

Lume

// Italia //

Lume (1990, Caserta) da sempre si dedica al disegno e sin da piccolo si interessa al writing e all’illustrazione. Nel 2013 inizia a farsi conoscere come street artist attraverso una serie di opere eseguite in fabbriche abbandonate, abusi edilizi e in spazi occupati fra le province di Caserta e Napoli. La sua ricerca si basa su un’analisi del territorio e la ricostruzione di pattern organici volti a riaffermare la presenza della natura dove l’invasività dell’uomo ne ha sottratto spazi.
Lavora e vive a Napoli, dove frequenta l’Accademia di belle arti.

Fafa

// Svizzera – Spagna //

Classe 1981, Rafael Marquez alias Fafa è uno street artist di origine spagnola, nato ad Irun, Paesi Baschi, ma cresciuto a Siviglia dove ha frequentato la scuola d’arte, attualmente vive in Svizzera. La passione di Fafa per la pittura inizia da bambino, grande fan della cultura hip hop inizia, nel 1998, a dipingere anche in strada. Fafa ama creare opere colorate sia all’esterno, sui muri, che nel suo studio, su tela, utilizzando varie tecniche e diversi strumenti, come pennelli, pittura acrilica, spray e pittura ad olio. Le sue opere, basate su fotografie, mirano a catturare i momenti e l’essenza dei suoi soggetti. Per la sua prima italiana con Memorie Urbane 2018 ha lavorato a Terracina sulla Torretta dei Painters dove ritroviamo anche i lavori di Apolo Torres e Alaniz.

Koctel

// Spagna //

Fernando Hernández Arboleda, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Koctel, nasce a Granada, Spagna, nel 1989. Koctel disegna il suo mondo, ispirato dagli odori e dai sapori dei luoghi che ha visitato. Attraverso il suo lavoro l’artista vuole trasportarci in un’atmosfera tropicale dove i frutti acquisiscono umanità e diventano i personaggi principali dell’opera. Per Memorie Urbane 2018 Koctel a Fondi ha realizzato una immensa parete sul centro multimediale della città.

Deih

// Spagna //

Deih, artista e illustratore spagnolo, attivo nella scena underground già dai primi anni ’90, produce opere di grande suggestione, in grado di aprire immaginarie porte verso straordinari nuovi mondi. Scenari cosmici e surreali popolati da esseri cibernetici dall’emotività ancora umana. Deih guarda al fumetto, all’epopee supereroiche, all’arte di Moebius, le sue opere prendono le mosse innanzitutto dal bisogno di capire come funzioni il mondo, andando ad approfondire gli spunti che gli offre l’interesse per la fisica, la filosofia, la meccanica quantistica.

Frz

// Iran //

FRZ nasce a Tabriz, cittadina iraniana dove attualmente vive e lavora. Inizia a dipingere muri utilizzando la tecnica dello stencil, non solo per una scelta artistica ma soprattutto perché, in un paese dove la street art è ancora illegale e dove gli artisti sono soggetti a una forte censura politica, è necessario accorciare al massimo i tempi della realizzazione dei muri. La produzione artistica di FRZ non si limita alla stencil art ma si caratterizza per la pluralità di tecniche che l’artista iraniano utilizza, dalla poster art, alla realizzazione di grandi murales fino all’utilizzo di superfici specchianti che fanno interagire direttamente lo spettatore con l’opera realizzata. Infine dal 2014 la sua ricerca artistica si spinge verso i motivi dell’arte islamica e verso la tradizione tessile iraniana.

Ememem

// Francia //

Ememem, street artist di origine italiana trapiantato in Francia, riesce a trasformare le buche della strada in opere d’arte. Il sistema utilizzato da Ememem ricorda la pratica giapponese del kintsugi, che consiste nel riparare i vasi e i cocci rotti con l’inserimento di materiali preziosi. La tecnica è chiamata flacking, e prevede la
riparazione di crepe e difetti dell’ambiente urbano attraverso l’inserimento di mattonelle di ceramica variopinta. Prima italiana per Ememem che ha lavorato sulla città di Terracina con il suo inconfondibile stile.

NAF MK

// Italia //

Domenico Tirino, aka Naf Mk, è uno street artist italiano, classe 1982. Si appassiona fin da giovanissimo ai linguaggi del writing, ma il desiderio di sperimentare diverse tecniche unito all’esigenza comunicativa lo portano presto ad avvicinarsi al mondo della street art maturando uno stile personale ed originale. Quello di Naf Mk è un universo pop contaminato da elementi iconici attinti dalla tradizione, religiosa e culturale, e dall’attualità che lo street artist rielabora attraverso l’uso di colori vitaminici e associazioni figurative provocatorie ed ironiche. La curiosità per ciò che accade nel mondo, lo stimola ad intraprendere progetti di impegno e coinvolgimento sociale come quello realizzato con i ragazzi dell’Istituto Penale Minorile di Airola (BN). Naf Mk è inoltre l’ideatore e curatore della street art international exhibition -In Wall We Trust.

Dopo essere stato ospite di Memorie Urbane nel 2017 NAF MK dove ha realizzato un muro dal titolo INCIPIT (THE BEGINNING). L’opera che si rifà alla classica rappresentazione dell’annunciazione, protagonista della scena è però lo spray Krylon, icona, reliquia, oggetto simbolo degli anni in cui i graffiti hanno rivoluzionato le strade, donato dall’arcangelo a una giovanissima Madonna. Nel 2018 è stato invitato per il progetto 25Novembre giornata mondiale contro la violenza sulla Donna, che lo ha visto intervenire in 3 differenti cittadine.

JAUNE

// Belgio //

Stencil artist ed artista urbano di Bruxelles, in Belgio. Il suo lavoro si basa sul paradosso tra il visibile e l’invisibile, con i lavoratori della nettezza urbana, i principali protagonisti delle sue umoristiche installazioni. Il progetto nasce dalla sua stessa esperienza lavorativa nella professione. ‘Nonostante svolgano un importante servizio pubblico con vistosi abiti fluorescenti diventando quasi invisibili alla persone’ dice Jaune ed allora ‘nel 2011 ho deciso di liberare queste
persone/personaggi dai loro ruoli abituali collocandoli simbolicamente in scenari sempre più assurdi e stravaganti dentro e intorno alle strade delle città in cui intervengo, e quelli che dovevano tenere in ordine il mondo diventare precursori del caos’. Per Memorie Urbane 2018 e per la prima italiana, ha lavorato a Terracina ed a Gaeta dove insieme a Lume ha realizzato l’isola ecologica e gli uffici dele servizio di nettezza urbana della cittadina laziale.

NUNO VIEGAS

// Portogallo/Olanda //

Nuno Viegas, noto anche come Metis, è un artista portoghese nato a Faro (1985) e cresciuto a Quarteira. Ha iniziato la sua carriera artistica con i graffiti nel 1999. Dopo aver completato i suoi studi in Arti visive all’Università dell’Algarve, si è trasferito a Rotterdam, nei Paesi Bassi (2014), sviluppando la sua pittura fortemente influenzata dai graffiti. Questa sottocultura hip-hop è stata il punto focale della produzione dell’artista e la sua più grande fonte di ispirazione. Le sue trasparenze / lucentezze e dettagli lo hanno subito posizionato in cima agli street artist del momento. Per Memorie Urbane 2018, prima italiana, ha lavorato su una splendida parete a Terracina.

SAV 45

// Russia / Spagna //

Sav45 pittore e street artist, di origine russa ma ormai adottato dalla catalogna. Di estrazione figurativa. Con forza e determinazione nel suo tratto, energia pura che si sprigiona dalle sue bombolette per creare immense figure che sembrano monocromatiche composte da lunghe scie di spray come fossero un immenso schizzo, linee che sembrano in movimento, pura energia cinetica. Il suo lavoro si ispira a classici ed ha molti riferimenti urbani. Oltre allo spray non disdegna l’uso del rullo per muri di grandi dimensioni. Un’altra prima italiana per Memorie Urbane, per ilprimo muro realizzato nella città di Lenola.